New York,  Stati Uniti

New York: consigli e cose da sapere prima di partire

New York: è davvero troppo cara?

Tutti sanno che la grande mela è una meta per molti proibitiva, ma è davvero così? In questo articolo vi raccontiamo la nostra esperienza, tra mezzi di trasporto e fast food o ristoranti. È una città che offre diverse opzioni di intrattenimento, attrazioni e cibo, dal meno caro al costosissimo, in base alle vostre tasche. Noi abbiamo cercato di risparmiare il più possibile, senza negarci nulla, pure lo shopping. Non fatevi intimidire dai grattacieli con uomini in affari e dai quartieri lussuosi con negozi d’alta moda, è possibile riuscire a fare tutto contenendo i costi e trovando anche delle occasioni convenienti.

Se state cercando un itinerario da cui prendere spunto, potete trovarlo qui.

Brooklyn

Compagnia aerea:

Ci sono svariate compagnie aeree che volano a New York, le abbiamo valutate quasi tutte, confrontando i prezzi e anche i servizi compresi e alla fine abbiamo deciso di prenotare con American Airlines, sia per gli orari che offriva che per l’opzione di volo diretto. L’aereo scelto da noi aveva tre colonne, le due laterali avevano posti a 3, quello che serviva a noi! Abbiamo quindi acquistato l’opzione del posto a scelta.

Per quanto riguarda il cibo, era abbastanza buono (si sa che il cibo in aereo non è granché 😂) e abbondante. Come snack ci hanno portato anche il gelato al caramello salato. 😆

Il volo, nel periodo in cui siamo state noi, quindi settembre, è costato circa 420€ a testa andata e ritorno. Aggiungendo l’assicurazione, abbiamo pagato 465€, consigliamo di farla soprattutto per via della sanità Americana, che è a pagamento. Se state organizzando un viaggio in questa città, date un’occhiata al sito di American Airlines.

Il nostro aereo

Dove alloggiare a New York:

Ci sono diverse alternative di alloggio, dagli affittacamere agli ostelli, noi abbiamo optato per un hotel con colazione per vari motivi: volevamo una colazione abbondante inclusa, avevamo bisogno di una posizione centrale ed essendo in tre (tra cui nostra mamma), avevamo necessità di spazio e pulizia quotidiana.

Il nostro hotel era il Four points by Sheraton, situato in Times Square nella Midtown. Gli hotel a Manhattan non sono di certo a buon mercato, noi abbiamo scelto quello che ci sembrava un buon compromesso, che soddisfacesse tutte le nostre necessità. Il costo era di circa 100€ a notte per persona (escluse le tasse che abbiamo pagato al momento del check-out), con colazione a buffet inclusa.

Esta:

Cos’è l’Esta? In poche parole è un Visto di ingresso turistico per entrare negli Stati Uniti ed ha una durata di 2 anni. Senza di esso non potete proprio entrare negli States, perciò è molto importante farla il prima possibile, anche perché non è detto che accettino subito la vostra richiesta. Il costo dell’Esta è di circa 14 dollari a persona e vi permetterà di rimanere negli Stati Uniti fino a 90 giorni.

Questo è il sito ufficiale con cui abbiamo richiesto questo visto Americano, quindi non fidatevi di altri siti che magari si spacciano per veri. Dovrete avere il passaporto, il nome e l’indirizzo del luogo in cui vi recherete e rispondere con attenzione a tutte le domande che vi verranno poste.

N. B: Attenzione alla data di scadenza del vostro passaporto. Assicuratevi che manchino più di 6 mesi alla scadenza, altrimenti non vi accetteranno l’Esta e non potrete partire.

Dall’euro ai dollari:

Come tutti sappiamo (o quasi tutti), la valuta ufficiale statunitense è il dollaro, infatti 1€ vale 1,18 USD, in base al cambio giornaliero! Potete scegliere di cambiarli presso la vostra banca in Italia, oppure in aeroporto una volta arrivati negli States; valutate ciò che è più conveniente. Noi li abbiamo cambiati anche prima della partenza per essere più comode e avere già del contante a portata di mano.

Mezzi di trasporto:

Ci sono tante alternative per poter visitare questa città, come i famosi taxi gialli, ma sicuramente se non volete perdere tempo nel traffico di New York, questa non è una buona alternativa.

Metrocard

Se volete risparmiare tempo ma anche soldi, per arrivare a Manhattan dall’aeroporto JFK, dovete prendere l’Airtrain (un treno sopraelevato che costa 7.75$). Scendete alla fermata della metro Jamaica Station e poi da lì, prendete la metro verso il vostro hotel.
Vi consigliamo di acquistare la Metrocard che è la tessera gialla per la Subway. Il costo è di 1$ per la creazione della nuova carta, inoltre c’è la possibilità di fare un ticket da 7 giorni a 33$. Ogni corsa costa 2.75$ indipendentemente dalla zona. Fate un calcolo dei giorni in cui resterete a New York e quante volte utilizzerete la card, per vedere cosa conviene di più, se la userete per due volte al giorno in sette giorni, allora sicuramente converrà fare l’abbonamento.

City Bikes

Per chi volesse allontanarsi dallo stress della metro, ci sono le City Bikes (biciclette blu a noleggio) al costo di 12$ al giorno a persona o 24$ per 3 giorni, a pagamento con carta di credito o prepagata. N.B: La prima mezz’ora di tratta è inclusa nel prezzo, superati i primi 30 minuti, dovrete aggiungere 4$ in più ogni 15 minuti. Noi abbiamo superato di qualche minuto la mezz’ora di tempo e abbiamo dovuto pagare comunque 4$ a testa in più.. 😅 Proprio per questo motivo, vi consigliamo di scaricare l’applicazione di Citi Bike. Grazie ad essa, potrete acquistare il pass che preferite in anticipo, ma non solo, se attivate la funzione delle notifiche, potrete monitorare il tempo di noleggio e capire se avrete riposto correttamente la vostra bici nel suo stallo. Questa applicazione vi permetterà anche di scoprire la disponibilità delle bici nelle vostre vicinanze, in base al luogo in cui vi troverete in un determinato momento.

Il noleggio di queste biciclette non è proprio conveniente ma è un’esperienza che secondo noi va fatta almeno una volta in questa immensa metropoli.

Per chi ha poco tempo per visitare la città, c’è la possibilità, come in quasi tutte le grandi città, di prendere un pullman turistico, l’Hop On Hop Off.

Metrocard e mappa Subway

Cibo:

A Manhattan mangiare è molto costoso, ma ci sono delle valide alternative, tra cui ristoranti o fast food dove è possibile risparmiare. Prima di tutto controllate senza vergogna i menù che vengono proposti al di fuori dei ristoranti, così non incapperete in spenna-portafogli. Un cheeseburger con patatine fritte vi costerà circa 14$, un muffin 4$.

Dovete sempre calcolare una buona percentuale del conto in più, perchè le mance sono d’obbligo in ogni bar o ristorante in cui andrete e non è buon uso contestarle. Le percentuali di mancia valgono sul totale dell’importo che si paga e la più bassa è al 10%, poi si sale al 15%, al 18% o addirittura al 20%, però quest’ultime variano in base al locale. Noi cercavamo di andare per meritocrazia, dove ci trovavamo meglio lasciavamo mance più alte, senza mai esagerare dato che non eravamo lì per pagare gli stipendi ai dipendenti. 🙈

Ci sono delle catene di minimarkets, tipo Whole Foods, che offrono un servizio self-service anche da asporto; si tratta di cibo cucinato da cuochi e messo al caldo nelle loro teglie. Troverete primi, secondi e contorni come pasta, lasagne, purè, pollo, verdure e tante altre cose! Qui potrete scegliere il piatto con il contorno che preferite e lo pagherete a peso, un vero risparmio, ma soprattutto una comodità visto che potrete portare il vostro cibo in hotel e mangiarlo in tutta tranquillità. A noi sono venuti in aiuto quando non ne potevamo più del classico hamburger e patatine o della pizza.

Ristoranti consigliati

Questi sono i posti che ci sono piaciuti di più:

  • Pizza Rollio, un piccolo bar situato all’interno del Plaza Hotel; lì abbiamo mangiato una pizza molto gustosa, extra fine e croccantina.
  • Grimaldi’s Pizzeria, una delle tante pizzerie situate vicino al Manhattan Bridge (Brooklyn), potete scegliere la misura della vostra pizza in base a quante persone siete.
  • Bubba Gump Shrimp Company, un ristorante ispirato al film Forrest Gump; qui fanno piatti a base di gamberetti fritti davvero molto molto buoni.
  • Dough Nuttery, un piccolo chioschetto situato all’interno del Plaza Hotel; qui potete fermarvi per uno spuntino pomeridiano a base di piccole ciambelline fritte glassate a vostro piacimento.
  • Carlo’s Bakery, la pasticceria con prodotti dolciari di “Buddy il boss delle torte” situata nei pressi di Times Square. Questo non è il negozio ufficiale di Buddy, il suo infatti si trova nello stato del New Jersey, ma avendo altre priorità, non siamo riuscite ad andarci, però non volevamo andarcene senza provare almeno una volta i suoi dolci. Abbiamo provato un Cookie, un Brownie e un Cupcake..davvero molto molto buoni!
       Grimaldi’s Pizzeria, Brooklyn

Clima:

Le temperature sono molto variabili a settembre, per cui vi consigliamo di portarvi un giubbino autunnale, delle felpe ma anche magliette a maniche corte. Potrete iniziare la giornata con il sole e temperature estive e un’ora dopo il cielo potrebbe annuvolarsi e tirare un’aria piuttosto fredda, per questo l’ideale è portare anche una sciarpina.

Il pomeriggio in cui siamo arrivate pioveva e faceva freddo, un freddo che non ci aspettavamo tanto che non avevamo l’abbigliamento adatto…stavamo gelando 😂😅. Il giorno dopo invece è uscito il sole, infatti si stava molto bene con una maglietta a maniche corte!

Pass per attrazioni:

A New York c’è la possibilità di poter risparmiare sulle attrazioni turistiche (e per fortuna, visto che per salire sull’osservatorio dell Empire state Building ci vogliono circa 40 euro a persona).

Ci sono 3 tipologie di pass ma la nostra scelta è ricaduta sul New York City Pass che comprende 3 attrazioni a scelta su 6 e altre 3 fisse. Per saperne di più sui prezzi dei vari pass e acquistarne uno, cliccate qui!

Tra le attrazioni fisse ci sono:

  • Empire State Building.
  • American Museum of Natural History.
  • The Metropolitan Museum of Art (dal momento in cui userete il pass per questa attrazione, avrete la possibilità di entrare anche al The Met Fifth Avenue, al The Met Breuer e al The Met Cloisters nei 3 giorni successivi).

Tra le attrazioni con possibilità di scelta ci sono:

  • Top of the Rock Observation Deck oppure il Guggenheim Museum.
  • Ferry Access to Statue of Liberty and Ellis Island (in questa attrazione non è incluso ne l’accesso al piedistallo ne l’accesso alla corona della statua della libertà) oppure la Circle Line Sightseeing Cruises.
  • 9/11 Memorial & Museum oppure l’Intrepid Sea, Air & Space Museum.
The Metropolitan Museum

Cose da sapere prima di partire:

  1. Dovete assolutamente comprare l’adattatore della presa Americana, a meno che ce l’abbiano a disposizione nel vostro alloggio (meglio sempre chiedere prima). Noi avevamo portato un adattatore sbagliato e infatti abbiamo dovuto cercare un negozio per comprarlo 😅😂
  2. Informatevi sugli orari di apertura delle attrazioni in base al periodo in cui andrete a New York, o sulle ristrutturazioni; noi non abbiamo potuto vedere il MoMa perchè era chiuso per ristrutturazione.
  3. È consigliabile acquistare un lucchetto TSA per la valigia, perchè nel caso in cui dovessero controllarne l’interno, loro hanno un gancio che riesce ad aprirla in modo più semplice e meno distruttivo.

Se avete qualcosa da aggiungere o qualche domanda da fare, lasciateci un commento qui sotto! 😁

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *