Europa,  Europa,  Lisbona,  Portogallo

Sintra e le sue meraviglie

Una delle mete che non volevamo assolutamente perderci in Portogallo, erano proprio Sintra e i suoi castelli, un mix tra stile moresco, gotico e manuelino. Lasciate da parte ogni modernità e immergetevi nel mondo delle fiabe, perchè qui vi sentirete dei veri principi e delle vere principesse. Sintra vi ruberà il cuore con i suoi colori sgargianti, i giardini segreti e le mura con vista sull’oceano. Noi abbiamo trascorso qui una giornata, anche se ce ne vorrebbero almeno due per riuscire a scoprirne tutte le bellezze.

Palacio da Pena

Tra i castelli di Sintra

Nella regione dell’Estremadura portoghese, c’è un piccolo paese delle favole, situato a pochi km da Lisbona. Nel suo territorio collinare è facile imbattersi in un castello o in un palazzo ottocentesco..ce ne sono addirittura più di 5!

Dal 1995 fa parte del patrimonio dell’ UNESCO per la sua bellezza e unicità. Diversi artisti hanno scritto di questo incantevole angolo del mondo; Byron la definì addirittura ” Il glorioso Eden”.

Partendo da Lisbona, in 30 minuti circa, siamo arrivate alla nostra destinazione: Sintra. Fortunatamente, abbiamo trovato parcheggio vicino al Museo Anjos Teixeira, altrimenti potete lasciare la vostra auto in un parcheggio a pagamento che si trova sempre nelle vicinanze del museo. Per evitare perdite di tempo nella ricerca del parcheggio e possibili code lungo la strada, c’è la possibilità di prendere un treno che vi porta direttamente da Lisbona a Sintra.

N. B: Se non siete in un periodo di alta stagione, potete arrivare fino al Castelo da Pena e parcheggiare lì, evitando così una camminata di 2 ore tutta in salita (noi l’abbiamo scoperto troppo tardi 🙃😂)

Verso il Castelo dos Mouros

Facendo una scalinata si arriva all’ingresso di Villa Sassetti e il suo giardino mediterraneo, una villetta costruita sullo stile delle ville lombarde, che entrerà a far parte del patrimonio di Sintra solo nel 2011. Da qui parte una camminata nel bosco, su per la montagna, fino ad arrivare al Castelo dos Mouros. È una fortezza fondata nel X secolo, epoca della dominazione musulmana, costruita nel punto più alto del monte, in modo da tenere sotto controllo la costa e l’arrivo delle navi dall’oceano.

Passiamo le successive due orette a salire e scendere dalle mura, con scorci sui vari palazzi e sulla cittadina sottostante.

Castelo dos Mouros

Il palazzo colorato e i suoi giardini

Proseguiamo in direzione Palacio da Pena, l’allegro e colorato palazzo costruito sulle rovine di un vecchio convento di frati. Il consorte della regina Maria si innamorò di Sintra e decise di acquistare il terreno circostante per creare la loro residenza estiva. Dal suo estro e dall’unione di più stili, tra cui neo-gotico e neo-manuelino, nacquero il palazzo e i suoi immensi giardini.

Nel palazzo si può accedere alla visita di alcune sale ancora arredate e anche nella sua cappella, mentre in un’ala dell’edificio è sorto un ristorante con una magnifica vista. Il Palacio Da Pena è stato dichiarato una delle 7 meraviglie del Portogallo.

N.B: Il prezzo per l’ingresso di tutte e due le attrazioni è di 22€ a persona.

Vista del Palacio da Pena

Finita la nostra visita al palazzo, proseguiamo la nostra visita nei suoi giardini. Dal Parque da Pena ai suoi laghetti, fino allo Chalet da Condessa d’Edla, una piccola villetta in legno circondata dal bosco. Da qui usciamo dal parco e scendiamo a piedi fino al nostro parcheggio.

Piccolo quartiere di Sintra

Ci fermiamo per pranzo da Pastelaria Vila Velha, un piccolo barettino molto caratteristico che serve sia salato che dolce; da provare assolutamente i dolci tipici di Sintra, davvero molto buoni! Questo posticino si trova a Sao Martinho, un piccolo quartiere pieno di negozietti e ristorantini, decorato con i tipici Azulejos. Se dovete fare uno spuntino o acquistare dei ricordini da portare a casa questo è il posto adatto. Da non perdere!

Sao Martinho

Il palazzo dei segreti

Dopo la pausa pranzo, decidiamo di andare a Quinta da Regaleira, ma avendo calcolato male la strada ci ritroviamo a fare tutta la cittadina a piedi fino alla villa…una sfacchinata di circa un’ora, quasi tutta in salita… 😅 Con l’ansia di non arrivare in tempo, camminiamo sempre più veloci fino a che finalmente riusciamo ad arrivare alla villa e ad entrarci. (Mancava davvero pochissimo tempo alla chiusura 😆). Questa villa è il riflesso degli interessi filosofici e romantici del suo proprietario, António Augusto Carvalho Monteiro unito al talento architettonico di Luigi Manini.

Rimaniamo subito a bocca aperta dalla meraviglia di questo edificio gotico, ma soprattutto dai suoi giardini ricchi di sculture, fiori colorati e passaggi nascosti. Nei giardini potrete perdervi facilmente, poiché ci sono labirinti, grotte e passaggi segreti. Il più famoso tra questi è il Poço Iniciatico, il Pozzo dell’iniziazione; scendendo dalle sue scalette vi ritroverete in una grotta sotterranea che vi porterà da tutt’altra parte. Un altro pozzo molto suggestivo è il Poço Imperfeito, mai portato a termine.

N.B: Il prezzo per l’ingresso di questo palazzo e dei suoi giardini è di 10€ a persona.

Pozzo Iniziatico

Le cose che non abbiamo visitato

Per mancanza di tempo non siamo riuscite a visitare altri due palazzi davvero suggestivi:

  • il Palacio Nacional, con i suoi altissimi coni bianchi, comignoli alti 33 metri, sede del palazzo reale di Re Manuel I. Molto interessante la visita alle sue sale reali ricche di lavorazioni in azulejos.
  • Il Palacio e Parque de Monserrate, uno stupendo palazzo arabeggiante, con i suoi giardini tappezzati di piante esotiche.

La prossima volta non ce li perderemo sicuramente!

Consigli e informazioni utili

Nel periodo in cui siamo state noi a Sintra (ottobre 2020), probabilmente a causa Covid, non era possibile acquistare biglietti in contanti, ma solo con carta o bancomat; noi ne eravamo sprovviste ma fortunatamente un ragazzo si è proposto di acquistarceli. Questa regola non è valsa solo per il biglietto d’ingresso ma anche per mangiare o fare acquisti all’interno del Palacio de Pena. Mentre il biglietto d’ingresso a quinta da Regaleira era possibile pagarlo in contanti (che cosa assurda!). Vi consigliamo quindi di portare con voi una carta o un bancomat per sicurezza, così non rischierete di fare ore di camminata inutilmente 😂

Controllate bene gli orari d’apertura dei vari palazzi. Calcolate che noi ci abbiamo messo circa due/tre ore per palazzo, quindi in una giornata è possibile visitarne due o tre. Vi lasciamo qui il sito di riferimento.

Se non trovate parcheggio o siete sprovvisti/e di auto ci sono diverse navette e Tuk-Tuk a pagamento che vi porteranno direttamente all’ingresso del castello e dei palazzi. Non fate come noi..è stata una sfacchinata non proprio necessaria!

Cosa ne pensate di Sintra? Raccontateci la vostra esperienza quì sotto nei commenti!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *